Torna il “Vuoto a Rendere” Ecco qui le istruzioni su come aderire…

settembre 27, 2017 Ambiente 0

Dal 10 Ottobre 2017  inizierà la fase di sperimentazione sul “vuoto a rendere”. Potrebbe sembrare un ritorno al  passato, al contrario è un passo importantissimo verso il futuro ed un ottimo sistema per ridurre le quantità di rifiuti.

Secondo quanto prevede il  DM 3 luglio 2017, n. 142 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sarà possibile riportare presso gli esercenti che aderiscono al progetto bottiglie di volume compreso tra gli 0,20 e gli 1,5 litri. A seconda della tipologia si potrà avere un rimborso che può variare tra i 0,05 e 0,3 euro. Questa filiera contribuirà a ridurre di non poco le quantità di rifiuti. Alcune tipologie di bottiglie potranno essere riutilizzate anche per 10 volte, subiranno un processo di sterilizzazione efficace, si arriverà a risparmiare anche il 60% di energia sulla produzione di nuove bottiglie. In tanti ricordiamo che da bambini era un piacere riportare una bottiglia vuota al bar sotto casa per avere in cambio qualche monetina.

Come aderire?

Se hai un bar, un ristorante o qualsiasi esercizio commerciale e vuoi partecipare al progetto sarà necessario compilare questo modulo. Lo dovrai fare al momento dell’ acquisto delle bevande con contenitore riutilizzabile dal distributore oppure dal produttore, inseguito dovrai inviarlo via email a [email protected] 

Per ulteriori informazioni consulta il testo integrale sulla  Gazzetta ufficiale

Esistere Bene non esiterà a diffondere ulteriori dettagli se ce ne saranno…

Come dare il tuo contributo anche se non hai un esercizio commerciale?

Anche se non hai un esercizio commerciale puoi dare il tuo contributo diventando parte attiva del progetto. Dai questa informazione al bar dove vai a prendere il caffè o dove vai a bere una birra con gli amici, oppure al ristorante dove vai a mangiare la pizza. Come avrai appurato leggendo l’ articolo la fonte è più che attendibile… spero prenderai a cuore questa iniziativa come stanno già facendo in tanti.

Condividi questo articolo per far girare questa informazione… 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *