Atauta.it, un piccolo e-commerce sfida i colossi

0
12
atauta sfida i colossi

Atauta.it sfida i colossi, concorrenza spietata per un piccolo e-commerce. Ma perché ci piace? Esiste il modo di farsi spazio in un mercato dove grandi marchi hanno il monopolio? Cosa fa la differenza?

Alex Pepe è un ragazzo davvero in gamba che ho conosciuto grazie ai Social Network. Tramite i suoi post ho scoperto che ha un piccolo e-commerce (Atauta.it) sul quale si possono trovare dei simpatici gadget di ogni genere.

La quasi totalità di questo genere di oggetti, nel mercato online viene acquistata sugli e-commerce dei grandi colossi. Giusto per citarne uno, Amazon. Per Alex che gestisce il suo piccolo negozio online è davvero difficile trovare uno spiraglio per inserirsi nel mercato…

Punti di forza di Atauta.it

Ti dirò a mio parere quale sono i suoi punti di forza e perché riesce a lavorare bene e soprattutto riesce ad avere delle soddisfazioni lavorative pur “combattendo” ad armi impari contro i “Big” del Mercato Online.

Molti dei gadget sono utili nella vita di tutti i giorni e sono di comune uso. La peculiarità di questo piccolo e-commerce però sta nel fatto che le sue proposte sono presentate in una chiave particolarmente colorata ed attraente. Soprattutto Dietro c’è una scelta assolutamente non casuale, sia riguardo al gusto estetico che riguardo all’affidabilità.

Ma il più grande punto di forza di questo piccolo e-commerce di gadget e tecnologia è questo: il contatto umano.

Certo ci sono miliardi di e-commerce e siti dove si possono ordinare gadget personalizzati di ogni genere. Addirittura ci si può rivolgere al mercato Cinese tramite piattaforme tipo Alibaba.com. Ok giusto, ma riguardo i quantitativi? Gli sdoganamenti? Dei particolari ne vogliamo parlare?

Per rendere bene l’idea voglio fare un esempio, mettiamo il caso che io debba fare delle penne con la scritta personalizzata per il sito esisterebene.it… potrei rivolgermi al mercato cinese, scambiare decine di email in inglese per comunicare oltreoceano (con un cinese che parla inglese)… Dovrei prendere in considerazione il quantitativo minimo, il costo di sdoganamento, tenere conto del rischio che il mio pacco potrebbe essere bloccato completamente in dogana. Alcuni di questi ti inviano dei campioni per valutare il lavoro prima di procedere alla produzione, ma i tempi?

In alternativa potrei rivolgermi ai siti che operano sul territorio nazionale, siamo sempre lì, scambi di email, contatti telefonici quasi totalmente inesistenti… no grazie.

Dietro le quinte c’è una persona

Come sapete, tra i principi di Esisterebene.it c’è quello di promuovere il Contatto Umano, anche se siamo nel 2019. È vero, si può sfruttare internet per agevolare le comunicazioni, la tecnologia per velocizzarle.

Dietro Atauta.it c’è un ragazzo che lavora da solo.
Degno di nota il fatto che ha sapientemente costruito nel tempo un network di collaboratori in giro per l’Italia, proprio sfruttando i nuovi mezzi.


Quindi pensiamo al vantaggio di scegliere qualcosa ed avere di fronte una “persona“, con esperienza nel campo. Una persona che ti trasmette eventualmente il suo parere in maniera sincera?

Prendendo accordi diretti con Alex è possibile scegliere qualsivoglia tipologia di personalizzazioni per il gadget scelto. Dall’altra parte non avrai un bot automatico che ti risponde in base ad un algoritmo. Avrai una persona che ti risponde in base ad emozioni, pareri dettati dall’esperienza, che ti viene in contro alle tue esigenze dettagliate riguardo al badget o ai tempi.

Questa è la caratteristica di Atauta.it che piace alla clientela, chi vi si rivolge a lo fa a mio parere principalmente per questi motivi.

Ho avuto il piacere di incontrare Alex di persona per discutere di come poter collaborare, spontaneamente ho deciso di scrivere queste poche righe per condividere il mio pensiero.

La vuoi chiamare pubblicità? Mi sento di farla volentieri allora!

Chi si da da fare per crearsi uno spazio sfruttando l’innovazione, mantenendo le caratteristiche umane che ci contraddistinguono come esseri emozionali merita il rispetto e l’ammirazione di tutti noi!

Bravo Alex Pepe, in bocca al lupo per il tuo progetto!

Rispondi